Come può lo SmartWatch aiutare a fare prevenzione? I benefici per la tua salute.

L’aumento del battito cardiaco a riposo rilevato dagli orologi hi-tech potrebbe essere un campanello d’allarme per patologie simili all’influenza, dice uno studio pubblicato su The Lancet nel 2019. Il dato, elaborato dallo Scripps Research Translational Institute, arriva da un bacino di 47 mila utenti e punta a essere rafforzato da un altro lavoro scientifico il cui obiettivo è «addestrare» gli algoritmi degli orologi di nuova generazione a riconoscere i segnali di un’infezione. È il progetto Detect, avviato in piena pandemia da coronavirus, che mira a coinvolgere chiunque disponga di un orologio per il monitoraggio di tre parametri: battito cardiaco, movimento e sonno.

Gli scienziati analizzeranno in modo retrospettivo i dati per identificare i sintomi premonitori di una malattia infettiva (influenza, raffreddore o Covid-19 che sia). Un obiettivo ambizioso, a cui si aggiunge l’ancor più ambiziosa seconda parte dello studio: inviare un segnale preventivo all’utente se l’algoritmo nota qualcosa che non va.